IL DIALETTO VERONESE IN OSTERIA

February 19, 2019

"Oste, dàme un gòto de vin Amarone"...    or  "sà ghè ogi de bòn da magnàr?"  

“Oste, dammi un bicchiere di vino Amarone” o "cosa abbiamo oggi di buono da mangiare"? 

 

Queste sono solo due delle possibili versioni di dialetto veronese per chiedere un buon bicchiere di vino della Valpolicella o un buon piatto da mangiare! Per essere perfetti immaginate di chiedere queste cose non al tavolo ma al banco mescita davanti al vostro oste.

Ecco, adesso siete proprio dentro un ‘osteria Veronese, quel bel piccolo spaccato di mondo antico dove toccare con mano l'enogastronomia ed il dialetto veronese. 

Su con le “rècie” (le orecchie) quindi!

 

Tutti gli abitanti d’Italia, di ogni regione e di ogni città hanno un proprio modo particolare di scrivere e parlare l’italiano. Questi dialetti locali sono quasi tutti basati su un substrato latino - italiano su cui si sono imposte delle parole straniere usate per centinaia di anni in quelle zone dai mercanti e sopratutto dai notabili dalle potenze straniere dominanti. 

Il Dialetto Veronese, parlato dal Lago di Garda alla provincia di Vicenza, è basato principalmente su quello Veneto ma con delle varianti dovute alla peculiare posizione geografica della nostra Provincia. La vicinanza con la Val’d’Adige ed il mondo tedesco hanno favorito l’importazione di alcune parole, così come forti sono i rimandi al francese ed allo spagnolo. 

 

Un esempio di origine tedesca?

Piazza Brà, quella grande superficie appena fuori dalle mura in cui oggi troviamo l’Arena di Verona ed il Municipio della città riceve il suo nome dal tedesco “breit”, largo, per intendere un’ampia superficie non abitata esterna alle mura appunto. Furono i Longobardi, a lungo dominatori su Verona, da loro eletta perfino a capitale del Regno a lasciarci questo ricordo.  Altre parole derivano dal Trentino e dalla Lombardia, in particolare nella parlata della zona occidentale della Provincia.

La nostra osteria Caffè Monte Baldo esiste a Verona dal 1909 ed è quindi perfettamente normale entrare tra le sue mura e sentire i clienti, in particolare i più anziani, esprimersi in forte e saldo dialetto veronese. 

 

Eccone un altro esempio di parola tedesca:

 

La parola “schei”, l’equivalente veronese di “soldi”, è un’abbreviazione di “scheidemunze”, il nome dato alle monete dagli Austro -ungarici che a lungo hanno dominato il Veronese nel 18esimo e 19evisimo secolo. 

 

 Qui sotto vi lasciamo una piccola lista di parole Veronesi tradotte in italiano, così avrete l'orecchio ben allenato quando verrete a trovarci! :)

 

VERONESE             ITALIAN O                  

l'Adese                        Adige (fiume che scorre intorno e dentro a Verona)                

Ancò                         Oggi                                 

Bacàn                      Contadino                       

Bicèr                         Bicchiere                         

Càneva                    Cantina                           

Gòto                         Bicchiere (di vino)        

imbriàgo                Ubriaco                           

Trincàr                   Bere                                 

Disnàr                    Pranzo                            

 

Vi è piaciuta questa piccola digressione sul dialetto di Verona parlato in osteria? Saremmo felici di leggere i vostri commenti su facebook F caffemontebaldo o di ricevere una vostra email  a caffemontebaldo@gmail.com

 

Caffè Monte Baldo,

Via Rosa 12 37121 Verona Italy

www.osteriamontebaldo.it

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post recenti

June 22, 2019

Please reload

Archivio